1001 modi per usare Dio Can e Porco Dio

Perché usare tante parole, quando con le due classiche bestemmie venete Dio Can e Porco Dio si possono esprimere gli stessi concetti?

Qualche esempio di come nel dialetto veneto le bestemmie permettono di esprimere concetti senza utilizzare tante parole. Basta unire Dio ai due animali in questione e si riescono a formare frasi che con solo due parole esprimono concetti interi.

Quando passa una bella ragazza, non è il caso di esclamare: “Wow che ragazza bellissima che è appena passata”. Basta esclamare Dio Can!

Quando uno ti chiede se sei sicuro di una affermazione che hai appena fatto, non c’è il caso di dire:” Si e ne ho l’assoluta certezza. Basta dire Dio Can!

In risposta alla domanda: “Ma dovevi proprio comportarti in quel modo?”, al posto di dire: “Cos’altro avrei potuto fare, data la situazione?”. Basta rispondere Dio Can!

Inoltre queste due bestemmie possono essere usate come rafforzativo di una richiesta. Esempio…Dove hai messo quel Porco Dio di un cacciavite? Oppure: Bepi Dio Can dov’e’ il martello?

L’utilizzo è anche possibile quanto non ti viene in mente come si chiama l’oggetto del quale hai bisogno. Esempio: “Bepi, passami quel Porco Dio per svitare i bulloni”, oppure “Bebi metti quel Porco Dio di sughero che il tubo perde acqua.

Che forti le bestemmie venete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *